Automassaggio vaginale - Silvia Vitale Osteopata a Roma
18196
post-template-default,single,single-post,postid-18196,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

Automassaggio vaginale

Automassaggio vaginale metodiche e finalità

L’automassaggio vaginale è indicato per ridurre l’ipertono della muscolatura pelvica.

Questo massaggio è utile in caso di cistiti ricorrenti, dolore ai rapporti, vulvodinia, candida e infezioni vaginali recidive.

Si tratta delle stesse manovre che vengono effettuate dai fisioterapisti nelle sedute di riabilitazione del pavimento pelvico. Può essere effettuato con il pollice o con una bacchetta il T-Flex.

Con l’automassaggio vaginale si trattano i trigger point e si rilassano i muscoli del pavimento pelvico doloranti e contratti.

Cosa sono i trigger point?

La definizione di Trigger Point è stata coniata nel 1943 dalla dottoressa Janet Travell, la quale definiva con questo termine le masse o i noduli dolorosi percepiti all’interno di bande tese del muscolo.

Per rendere più chiara la definizione, basti immaginare il muscolo, come un insieme di corde, che grazie al loro accorciamento (contrazione muscolare) muovono segmenti ossei. Il Trigger point lo si deve immaginare come un nodino su una o più fibre muscolari, che è percepibile dall’esterno mediante la palpazione, e che se stimolato evoca un dolore sul punto, ma soprattutto a distanza, evoca dolore in una zona irradiata.

Come effettuare l’automassaggio vaginale

L’automassaggio vaginale consente quindi di dilatare il canale vaginale delicatamente e progressivamente e di decontrarre la muscolatura che si trova intorno ad esso.

Questa dilatazione e lo stimolo muscolare riduce i dolori causati da patologie e di mantenere in salute la zona.

I consigli riportati nel video sono il frutto di un costante confronto tra donne affette da patologie urogenitali, che in nessun caso vogliono e possono sostituire il trattamento o il rapporto diretto con il professionista sanitario. Si raccomanda pertanto di chiedere il parere del proprio medico o di una fisioterapista esperta in riabilitazione pelvica prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata.

Leggi i miei articoli
Richiedi informazioni


    Accetto le condizioni sulla privacy Privacy Policy

    No Comments

    Sorry, the comment form is closed at this time.