fbpx
Cervicale connessa alla tiroide - Silvia Vitale Osteopata a Roma
17935
post-template-default,single,single-post,postid-17935,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Cervicale connessa alla tiroide

cervicale connessa alla tiroide osteopata montesacro roma silvia vitale

Cervicale connessa alla tiroide?

La tiroide è il più grande viscere endocrino presente nell’organismo umano. Possiede una forma “a H” o “a farfalla” ed è costituita da due lobi collegati da un istmo. Si trova nella parte anteriore del collo.
La ghiandola tiroide secerne gli ormoni tiroidei, che influenzano principalmente il metabolismo e la sintesi proteica. Essi hanno anche molti altri effetti, compresi quelli relativi allo sviluppo.
La secrezione ormonale dalla tiroide è regolata dall’ormone tireostimolante (TSH) secreto dalla ghiandola pituitaria anteriore, che a sua volta è regolata dall’ormone di rilascio della tireotropina (TRH) prodotto dall’ipotalamo.

fonte wikipedia

La fascia viscerale della tiroide articola con la fascia profonda della cervicale. Ecco perché sono connesse.

Svelata la connessione capiamo anche cosa può accadere alla cervicale se la tiroide ha dei mal funzionamenti.

Fondamentalmente per cervicale si intendono tutti quei dolori che interessano la parte posteriore del collo.

Col generico termine di “ho la cervicale” si intende comunemente l’infiammazione del rachide cervicale, quel “pezzo” della colonna vertebrale che aggancia il capo al tronco. Il rachide cervicale è una struttura costituita da sette vertebre e da un gruppo di muscoli e di legamenti che consentono i movimenti del capo.

Questo complesso osteoarticolare, muscolare e legamentoso, ospita al suo interno una porzione del midollo spinale che conduce i segnali nervosi dal cervello in periferia e viceversa.

L’osteopatia viscerale si avvale di tecniche molto efficaci per liberare tutte le tensioni tiroidee che hanno come risultato forti dolori cervicali.

Una cosa importante da tener presente sono i noduli tiroidei perché necessitano sempre di un’indagine approfondita dello specialista, l’endocrinologo. Nel caso essi siano di natura benigna e lo specialista approvasse i trattamenti, questi possono essere eseguiti in tutta tranquillità.

Le tecniche sono sempre delicate. Quello che vado a lavorare in questo caso sono sia la tiroide sia il  sistema arterioso superiore e inferiore della ghiandola tiroidea.

Alleggerendo le tensioni di tale zona anche la cervicale, soprattutto a livello dei muscoli scaleni e sternocleidomastoideo, riuscirà a liberarsi dalle contratture che sono state causate dalla causa primaria a livello tiroideo.

Testo a cura della Dott.ssa Silvia Vitale

Scopri di più sull'osteopatia
Richiedi informazioni


Accetto le condizioni sulla privacy Privacy Policy

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.