Ernie cervicali e lombari - Silvia Vitale Osteopata a Roma
18079
post-template-default,single,single-post,postid-18079,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

Ernie cervicali e lombari

Ernie cervicali e lombari

Cosa sono le ernie cervicali e lombari?

L’ernia del disco è il risultato della fuoriuscita, dalla sua sede naturale, del nucleo polposo.

Questo nucleo è contenuto all’interno del disco intervertebrale. Un buon paragone per capirne la funzione è quello del cuscinetto ammortizzatore interposto tra una vertebra e l’altra.

Il nucleo polposo è costituito quindi da tessuto spugnoso – è posizionato in un involucro di cartilagine l’anello fibroso. L’anello fibroso tiene disco intervertebrale ancorato alle sue due vertebre.

La dislocazione del nucleo polposo può irritare o comprimere l’emergenza delle strutture nervose adiacenti con sintomi vari.

Le degenerazioni del disco intervertebrale inizia ad affacciarsi in media dopo i 35 anni di vita, se non viene provocata da traumi oppure da lavori usuranti.

Le zone più colpite sono le vertebre lombari (L4-L5 e L5-S1) e le vertebre cervicali (C4-C5, C5-C6).

Quali sono i sintomi delle ernie cervicali e lombari?

A livello livello lombare spesso si accusa una forte sciatalgia – dal gluteo si può irradiare fino al piede – il dolore è fortissimo.

I sintomi possono andare dalle parestesie – formicolio, sensazione di una ragnatela, intorpidimento, riduzione della sensibilità cutanea, dolore, bruciore, sensazione di caldo o freddo fino all’impotenza funzionale dell’arto.

A livello cervicale si può accusare un forte dolore con irradiazione a tutto il braccio, mal di testa molto forti causati da una verticalizzazione della fisiologica curvatura del collo.

ernie cervicali e lombari osteopata roma montesacro Silvia Vitale
ernei cervicali e lombari osteopata roma montescaro silvia vitale

Cosa fa l’osteopatia con le ernie cervicali e lombari?

Primo step – ascolto dettagliato

Secondo step – elimina progressivamente tutte le tensioni esterne come per esempio tensioni viscerali. Queste possono aggravare la pressione del disco stesso.

Terzo step – azione diretta sull’ernia specifica. In questo caso seguo le orme di un veterano dell’osteopatia –  Alain Géhin creatore di una tecnica appositamente strutturata per favorire il riposizionamento fisiologico del disco.

Eseguendo correttamente la tecnica di Alain Géhin la percentuale di guarigione e di rientro del nucleo polposo nella sua sede è del 80/86% dei casi.

Si tratta di manovre “semplici”, sicure e delicate, ma molto efficaci che sfruttano un un gioco di iperpressioni dalla parte dell’ernia e di ipopressioni dalla parte opposta.

E’ questo sapiente gioco che porta al riposizionamento fisiologico del disco stesso nell’arco di 5/6 sedute.

Leggi i miei articoli
Richiedi informazioni


    Accetto le condizioni sulla privacy Privacy Policy

    No Comments

    Sorry, the comment form is closed at this time.